Loading...

Design

Review: Biennale Musica 2019 (Teatro Italiano)

Review: Biennale Musica 2019 (Teatro Italiano) È un’Europa che si confronta con il proprio passato e con la propria immensa tradizione musicale, ma che non sdegna le sfide del presente, relazionandosi con i suoni e le culture di altri continenti e sfruttando con sapienza le nuove possibilità espressive messe a disposizione dalla

Review: Biennale Musica 2019 (Teatro Italiano)2024-01-05T17:25:20+00:00

Review: Geografie di un sogno e altre solitudini (Teatro Italiano)

Review: Geografie di un Sogno e Altre Solitudini (Teatro Italiano) Presso una location segreta nel centro di Roma, va in scena  Geografie di un sogno e altre solitudini, spettacolo scrittoe diretto da Fabrizio Funari. L’opera del giovane autore si propone come un viaggio esperienziale, per un singolo spettatore a rappresentazione, puntando sull’inter

Review: Geografie di un sogno e altre solitudini (Teatro Italiano)2024-01-05T16:56:18+00:00

Review: Geografie di un sogno e altre solitudini (Persinsala)

Review: Geografie di un Sogno e Altre Solitudini (Persinsala) Geografie di un sogno e altre solitudini riesce nel difficile compito di funzionare come un evento teatrale senza esserlo. Sulla scia delle sperimentazioni situazioniste, i partecipanti intrecciano i loro vissuti con quelli degli attori professionisti, assumendo uno sguardo obliquo su se stessi e

Review: Geografie di un sogno e altre solitudini (Persinsala)2024-01-05T16:57:47+00:00

REVIEW: The Sins of the Cities of the Plain (Diario de Sevilla)

REVIEW: The Sins of the Cities of the Plain (Diario de Sevilla) No sería fácil convencer a un aficionado tradicional a la ópera de que lo que se ha estrenado esta noche en el Espacio Turina comparte género con Las bodas de Fígaro, Tosca o El caballero de la rosa. La discusión

REVIEW: The Sins of the Cities of the Plain (Diario de Sevilla)2024-01-05T17:26:35+00:00

Review: Geografie di un sogno e altre solitudini (BL Magazine)

Review: Geografie di un Sogno e Altre Solitudini (BL Magazine) Guy Debord, filosofo del secondo dopoguerra, scrisse che “Lo spettatore più contempla, meno vive”. I situazionisti, seguaci di un nuovo modo di concepire l’arte che si sviluppa attraverso le avanguardie artistiche d’inizio Novecento, vedevano il teatro come uno spazio in cui lo

Review: Geografie di un sogno e altre solitudini (BL Magazine)2024-01-05T16:59:12+00:00